I 5 migliori URL shorteners 2017 per accorciare i tuoi link, gli outsider, quelli con cui puoi guadagnare.

I 5 migliori URL shorteners 2017 per accorciare i tuoi link, gli outsider e quelli con cui puoi guadagnare.

La top 5 degli URL shorteners più popolari e affidabili nel 2017/2018 per abbreviare e semplificare i link che condividi su Facebook, Twitter, YouTube e gli altri Social (Più qualche outsider). Goo.gl, Bit.ly e TinyURL sono ancora tra i più usati ma esistono diverse altre alternative altrettanto valide ed alcuni outsider che vale la pena considerare. Tutti offrono il servizio gratuitamente, alcuni funzionano meglio di altri e qualcuno ti permette anche di guadagnare attraverso i click ricevuti.

↓ Vai alla Top 5 ↓

… oppure continua a leggere se vuoi sapere:

  • Cosa sono e a cosa servono gli URL shorteners
  • Come si utilizzano
  • I pro ed i contro cui si va incontro utilizzando questi strumenti
  • Il loro possibile utilizzo come strumento di Marketing.
Alcuni esempi di URL Shorteners tra i più popolari nel 2017
Alcuni esempi di URL Shorteners tra i più popolari nel 2017

Cosa sono e a cosa servono

Scorrendo la home di Facebook e Twitter sarà capitato a tutti di imbattersi in strani URL piuttosto corti: all’origine di URL così corti si cela sempre un URL Shortener. Parliamo di particolari siti internet il cui scopo è quello di abbreviare un URL e condensarlo in pochissimi caratteri. Pensando per esempio a un social come Twitter – con il suo limite massimo di caratteri – è facile comprendere il motivo per cui tali tool possono risultare utili. Inoltre, questi servizi offrono una serie di vantaggi per personalizzare e tenere sotto controllo alcuni parametri indispensabili per chi gestisce una piattaforma online: molti di essi consentono la visualizzazione dei click ricevuti e l’analisi delle statistiche di accesso al link da parte degli utenti. Infine, proprio per la loro migliore appetibilità, gli utenti tendono a essere maggiormente predisposti a cliccare sugli short link, rispetto ai link tradizionali più lunghi e difficili da ricordare.

L’evoluzione degli shortener dalla loro nascita (2002) a oggi, li ha resi indispensabili per dare un aspetto più gradevole ai post sui social e per risparmiare caratteri preziosi impiegabili per altre finalità. In più, grazie alla possibilità di accedere a statistiche e analytics, alcuni servizi di URL shortening rappresentano dei veri e propri strumenti di marketing da sfruttare al massimo per individuare al meglio il proprio target di riferimento.

Come funziona un servizio di Url/Link shortening

Come funziona il procedimento per accorciare i link rendendoli short link?

Paragoniamo due URL per comprendere meglio gli effetti che ha un URL Shortener su un certo un link:

Avere la possibilità di ridurre URL che in alcuni casi possono arrivare ad oltre cento caratteri, portandoli a una ventina al massimo, è un ottimo vantaggio: i link corti risultano più eleganti, danno l’impressione di essere più ordinati e risultano in genere più appetibili agli occhi degli utenti, che saranno così maggiormente propensi a cliccarli.

Abbreviare un link lungo è molto semplice: per la maggior parte dei servizi listati in questa pagina è sufficiente inserirlo in una casella di testo e premere un pulsante. Il servizio di shortening ne riduce il numero di caratteri associando il vecchio link ad un link più corto con una breve chiave alfanumerica, generalmente presente nella parte finale del link accorciato. Basterà poi copiare e incollare il link così ottenuto per utilizzarlo all’interno del proprio social preferito, di un’e-mail, di una chat o quant’altro.

La maggior parte degli URL shortener si utilizza in modo molto semplice. Per Bit.ly per esempio, basta inserire il link da abbreviare nella casella di testo, premere il pulsante e ...
La maggior parte degli URL shortener si utilizza in modo molto semplice. Per Bit.ly per esempio, basta inserire il link da abbreviare nella casella di testo, premere il pulsante ...
... et voilà! In pochi istanti abbiamo a disposizione l'URL semplificato da utilizzare. Premendo un altro pulsante possiamo copiarlo direttamente per poi incollarlo dove vogliamo.
... et voilà! In pochi istanti abbiamo a disposizione l'URL semplificato da utilizzare. Premendo un altro pulsante possiamo copiarlo direttamente per poi incollarlo dove vogliamo.

Utilizzare i link corti come strumento di Marketing

Alcuni URL Shortener come Goo.gl, Bit.ly, Ad.fly, Ow.ly e molti altri possono essere utilizzati ad hoc, ad esempio in campagne di marketing social per tracciare e monitorare l’andamento dei click. Dalla piattaforma scelta per accorciare i link è possibile accedere a uno storico dal quale possono essere visualizzati tutti gli URL abbreviati: prendendo come esempio lo Shortener di Google – Google Link Shortner – sarà possibile tenere traccia del numero di click totali distribuiti nel tempo, della provenienza dei click (Referrers), del browser utilizzato dagli utenti per accedere al link (Browsers), dei Paesi dai quali sono stati cliccati i link (Countries) e dei sistemi operativi degli utenti (Platforms).

In questo modo, gli URL Shortner diventano un vero e proprio tool indispensabile per determinare e raffinare il proprio target. Alcuni servizi offrono la possibilità di curare anche l’aspetto SEO, andando a personalizzare il link accorciato e sfruttando il permanent redirect, ovvero il codice 301, che rappresenta la tipologia di reindirizzamento maggiormente favorita dai motori di ricerca.

Esempio delle statistiche fornite da un URL accorciato utilizzando l'URL shortener di Google (Clicca sull'immagine per ingrandire).
Esempio delle statistiche fornite da un URL accorciato utilizzando l'URL shortener di Google (Clicca sull'immagine per ingrandire).

Gli svantaggi

Per contro, lo svantaggio principale degli shortener è dato dalla sfiducia generale che una porzione di utenza ha nei confronti dei link abbreviati, che di fatto offuscano l’effettivo URL di destinazione, rendendolo irriconoscibile fintanto che non viene visitato. Abbiamo probabilmente tutti già visto come, attraverso social network quali Facebook, Twitter, LinkedIn, YouTube, Google+, Instagram e molti altri, sia capitato che la tecnica degli short URLs fosse utilizzata per scopi non proprio benevoli. Per esempio per fare phishing o per installare virus e malware nel computer del malcapitato mediante post dannosi o messaggi inviati direttamente, contenenti proprio dei link accorciati da cliccare. Lo stesso metodo viene a tutt’oggi utilizzato all’interno di mail o altri sistemi di messaggistica.

Un altro svantaggio di alcune delle piattaforme che offrono questi servizi è che non sempre i reindirizzamenti utilizzati sono conformi alle regole dei motori di ricerca: Alcuni non consentono l’indicizzazione della pagina di destinazione, altri impediscono il corretto passaggio di Link Juice, valore semantico e authority tra una pagina e l’altra, di fatto bloccandoli. In termini più semplici, il risultato finale è che vengono dati più credito ed autorità al link di partenza o ad uno dei link intermedi piuttosto che alla pagina di destinazione. In altre parole, quello che succede è che la pagina di destinazione, seppur interessante per gli utenti, non viene considerata tali dai motori di ricerca che invece attribuiscono l’interesse al servizio di shortening.

Insomma, in termini di SEO non è detto che l’abbreviazione dei link con queste piattaforme sia sempre conveniente, soprattutto se la pagina di destinazione è tua

Alcuni URL shorteners (In questo esempio, Cutt.us è segnalato da VirusTotal) vengono di frequente segnalati come siti malevoli proprio perché alcuni utenti li usano in modo improprio per accorciare link dannosi contenenti malware e virus. La piattaforma in sé non ha alcuna colpa, rimane tuttavia il dubbio che utilizzarla possa ledere in qualche modo l'incolumità o la SEO dei nostri link.
Alcuni URL shorteners (In questo esempio, Cutt.us è segnalato da VirusTotal) vengono di frequente segnalati come siti malevoli proprio perché alcuni utenti li usano in modo improprio per accorciare link dannosi contenenti malware e virus. La piattaforma in sé non ha alcuna colpa, rimane tuttavia il dubbio che utilizzarla possa ledere in qualche modo l'incolumità o la SEO dei nostri link.

La Top 5

Ecco qui la lista con gli URL shorteners in assoluto più popolari ed utilizzati nel 2017.

1) Google URL Shortener ( HTTP://GOO.GL/ )

Google URL Shortener non offre di sicuro i guadagni di AdFly, in cambio ... offre la garanzia di qualità di Google!
Google URL Shortener non offre di sicuro i guadagni di AdFly, in cambio ... offre la garanzia di qualità di Google!

Google URL Shortener, con la sua interfaccia minimale ed intuitiva, è in assoluto il più gettonato tra gli shorteners AD-Free. E’ sufficiente accedere alla piattaforma e inserire il link da abbreviare nella stringa Your Original URL Here. Cliccando poi su Shorten URL, otteniamo il link corto. Dall’interfaccia di gestione è possibile avere una panoramica degli URL originali rimpiccioliti, della data di abbreviazione, dello short link ottenuto e del numero di click generati. Di fianco al numero di click, cliccando sui tre pallini, si apre un altro menù che dà accesso agli Analytics Dat con statistiche molto interessanti per monitorare tutti gli aspetti relativi ai click e al traffico generato dal link. Le statistiche sono pubblicamente accessibili aggiungendo “.info” al termine dell’URL (Per esempio qui https://goo.gl/ZHacrb.info ci sono alcune statistiche di una nostra immagine). E’ possibile anche generare direttamente un QR Code o nascondere lo short URL dall’interfaccia. Per quanto riguarda la SEO, Google è l’unico che garantisce espressamente il corretto passaggio di Link juice, authority e valore semantico dal link accorciato al link di destinazione.

2) BITLY (HTTPS://BITLY.COM/)

Anche BitLy offre una buona qualità generale ed alcune statistiche utili, solo previa iscrizione
Anche BitLy offre una buona qualità generale ed alcune statistiche utili, solo previa iscrizione

Senza richiedere la necessità di iscriversi alla piattaforma, Bitly consente di accorciare i link direttamente dalla home: in alto a destra è presente una casella nella quale inserire l’URL da accorciare, premendo poi “Shorten” si ottiene il risultato voluto. Offre la possibilità di visualizzare lo storico dei link abbreviati, oltre che di vedere il numero di click generati per ogni link. Statistiche più accurate relative ai referrals, alla provenienza geografica dei click etc. sono disponibili solo previa iscrizione al portale.

3) TINYURL (HTTPS://TINYURL.COM/)

TinyURL, con la sua interfaccia molto semplice, è stato tra i primi ad occuparsi della semplificazione degli URL
TinyURL, con la sua interfaccia molto semplice, è stato tra i primi ad occuparsi della semplificazione degli URL

TinyURL offre la possibilità di abbreviare un link da un’interfaccia piuttosto semplice e spartana, inoltre permette di aggiungere un’estensione nella toolbar del proprio browser per abbreviare l’URL della pagina sulla quale ci troviamo in qualunque momento. Con i suoi oltre 8 milioni di link, è stato tra i primi ad occuparsi di link shortening e per questo gode ancora di grande fama.

4) OW.LY (HTTP://OW.LY/URL/SHORTEN-URL)

Owly è creato appositamente per i social, è possibile autenticarsi al portale direttamente dal proprio account Twitter e si integra con la famosissima piattaforma HootSuite fornendo preziose statistiche
Owly è creato appositamente per i social, è possibile autenticarsi al portale direttamente dal proprio account Twitter e si integra con la famosissima piattaforma HootSuite fornendo preziose statistiche

Ow.ly è il servizio di accorciamento URL proposto da Hootsuite, la famosa social media management platform progettata per gestire i social network e tenere tutto sotto controllo da un’unica dashboard. Il servizio proposto da Ow.ly ha un funzionamento molto simile agli altri che abbiamo già visto: è sufficiente inserire il link nella casellina e selezionare Shrink URL per ottenere il link accorciato. E’ possibile anche accedere alla piattaforma tramite i dati di accesso Twitter. Il plus di questo servizio è la possibilità di accedere a una pagina ricca di analytics per ogni link abbreviato e monitorare diversi aspetti tra cui:

  • Statistiche per l’URL
  • Click per Regione
  • Referrarls
  • Link più popolari

È possibile accedere anche a report di confronto tra le statistiche dei vari link abbreviati e per chi usa Hootsuite, è possibile creare dei report dei link ow.ly da Statistiche > Build Custom Report > Click Stats. In sintesi Ow.ly è uno shortener sicuro e molto pratico, che non ha particolari svantaggi e che mette a disposizione degli sviluppatori un set di API (Application Programming Interface) per le più comuni operazioni.

5) BIT.DO (HTTPS://BIT.DO)

BitDo offre servizi a pagamento per personalizzare il dominio da utilizzare nella creazione degli short link
BitDo offre servizi a pagamento per personalizzare il dominio da utilizzare nella creazione degli short link

Bit.do risulta essere piuttosto intuitivo, facile da utilizzare e sicuro come la maggior parte degli altri. Tra le caratteristiche più interessanti del servizio troviamo:

  • La possibilità di avere un dominio personalizzato per il servizio di shortening
  • Statistiche in tempo reale dei click agli URL
  • La possibilità di personalizzare i link anziché utilizzare lettere enumeri random
  • Statistiche sulla geolocalizzazione

Gli outsider

Alcuni URL shorteners potrebbero rappresentare in un troppo lontano futuro delle alternative valide ai 5 già menzionati, teneteli d’occhio!

TINY.CC (HTTPS://TINY.CC/)

Tiny.cc è particolarmente indicato per chi si occupa di web e SEO
Tiny.cc è particolarmente indicato per chi si occupa di web e SEO

Tiny.cc è un URL Shortener particolarmente indicato per i professionisti del web. Grazie a un’interfaccia e a un pannello particolarmente completi, offre la possibilità di gestire in totale autonomia gli URL generati. Tramite una semplice iscrizione, è possibile avere accesso alla sezione analytics che propone report dettagliati indispensabili per monitorare click: Statistiche dei link,  referrals, link più popolari e molto altro ancora. Ha un’interfaccia molto intuitiva ed è molto semplice da utilizzare: per accedere in un secondo momento alle statistiche, o per monitorarle in tempo reale, è sufficiente spuntare il pulsante Log stats for this URL (Registra le statistiche per questo URL) e cliccare successivamente su “Tiny!”. Molto completo e professionale!

IS.GD (HTTPS://IS.GD)

Is.GD non ha nulla di speciale ma fa parte di una suite di tool gratuiti che sta progressivamente crescendo nel tempo
Is.GD non ha nulla di speciale ma fa parte di una suite di tool gratuiti che sta progressivamente crescendo nel tempo

Is.gd è uno shortener senza nulla di innovativo. Come molti altri dà la possibilità di personalizzare il link abbreviato, rendendolo più riconoscibile. Non è necessario sottoscrivere un abbonamento né registrarsi alla piattaforma: dalla home page è possibile inserire il link da dover abbreviare e cliccare successivamente “Shorten!”. Selezionando Further options/custom URL, l’utente ha la possibilità di personalizzare l’URL accorciato e di registrare le statistiche per il link da monitorare in seguito. Is.gd fa parte di una suite di strumenti gratuiti più completa che sta progressivamente crescendo nel tempo.

1SHORTLINK (HTTPS://1LINK.ONE/)

1ShortLink ha una grafica accattivante ed è in grado di segmentare i click dai social networks
1ShortLink ha una grafica accattivante ed è in grado di segmentare i click dai social networks

1ShortLink è un servizio indirizzato in particolare a coloro che desiderano accorciare link per Twitter e Facebook, con un’occhio al Marketing. Attraverso un’interfaccia molto accattivante ed intuitiva, la piattaforma consente di accedere a short link perfetti da sfruttare, ad esempio, per condividere referral link ed invitare altri utenti a iscriversi a programmi esclusivi.

Il sito dà la possibilità di generare link personalizzati con testo a proprio piacere ed offre la possibilità di visualizzare analytics e statistiche molto interessanti per lo short link da monitorare tra i quali numero di visite/visitatori, accessi da social network, dispositivi utilizzati ed altre con le quali è possibile segmentare accuratamente il traffico di passaggio attraverso il link.

1CLICKURL (HTTP://WWW.1CLICKURL.COM/)

Anche 1ClickURL, in precedenza conosciuto come ChibiURL, è in crescita. In più, dalla sua interfaccia consente di abbreviare molto rapidamente link multipli
Anche 1ClickURL, in precedenza conosciuto come ChibiURL, è in crescita. In più, dalla sua interfaccia consente di abbreviare molto rapidamente link multipli

Anche 1ClickURL (Ex: ChibiURL) come i precendeti è in crescita. La particolarità di questo URL Shortener consiste nella possibilità di abbreviare più URL contemporanemamente, cosa molto utile per esempio per accorciare in massa link di immagini o altri file multimediali. Per gli utenti che ne avessero bisogno (?), sotto al pulsante Shorten All URLs, è possibile visualizzare il video tutorial su YouTube messo a disposizione dalla piattaforma, infine è possibile aggiungere un pulsante su Chrome, per accorciare in qualunque momento i link.

Guadagnare con gli short link

Alcuni servizi di URL shortening permettono di guadagnare dai click ricevuti, vediamo i più gettonati.

AdFly ( http://ADF.LY/ )

AdFly permette di guadagnare dai click che ricevono gli short links
AdFly permette di guadagnare dai click che ricevono gli short links

Si tratta di un URL Shortener che si occupa di pubblicità, tra i primi a consentire di guadagnare tramite i click ricevuti dai link accorciati. La caratteristica principale di AdFly è di indirizzare l’utente prima verso un banner pubblicitario e, solo successivamente, verso il link vero e proprio inserito dall’utente. AdFly permette di guadagnare ben 5 dollari ogni 1000 visualizzazioni, risultando uno dei più proficui e generosi del suo settore. Per iniziare ad utilizzare AdFly e a guadagnare, è sufficiente iscriversi al portale fornendo i propri dati e confermare la registrazione. AdFly offre la possibilità di accorciare:

  • Link Singoli – dalla home della piattaforma, inserendo il link da abbreviare nella casella di testo e premendo “Shrink!”.
  • Link Multipli – tra i tool messi a disposizione da AdFly troviamo la possibilità di usufruire del Mass Shrinker. È possibile utilizzarle questa funzione per abbreviare fino a un massimo di 20 link alla volta.
  • Tutti i link di una pagina – Con il tool Full Page Script è possibile anche abbreviare tutti i link presenti in una pagina web, sfruttando un apposito script da inserire nel codice della pagina.

I vantaggi di AdFly

  • Pagamenti molto generosi.
  • AdFly tiene in considerazione anche gli utenti che utilizzano AdBlock. Chi utilizza il servizio, di conseguenza, non perderà i propri guadagni.
  • Tanti tool a disposizione degli utenti per gestire ogni aspetto organizzativo ed economico dalla piattaforma.
  • AdFly è disponibile per qualsiasi tipologia di piattaforma e non sono necessari particolari requisiti per utilizzare il servizio.

Gli svantaggi di AdFly

  • Le pagine pubblicitarie che si aprono tramite link accorciato con AdFly possono risultare molto fastidiose e invasive.
  • Gli utenti, trovandosi di fronte a una pagina pubblicitaria, potrebbero non fidarsi e non proseguire nella navigazione, senza giungere di conseguenza all’URL di arrivo.

SHORTE.ST (HTTPS://SHORTE.ST/)

Anche con Shorte.st è possibile guadagnare pubblicando URL corti e ricevendo click
Anche con Shorte.st è possibile guadagnare pubblicando URL corti e ricevendo click

Anche Shorte.st, come AdFly, paga gli utenti in base al numero di click generati: accorciare i link è molto semplice e la procedura è analoga a tutti gli altri. Il portale mette a disposizione dell’utente una serie di tool per poter monitorare l’andamento del sito web con URL accorciato, i guadagni accumulati, e dà la possibilità di sfruttare plugin e script per gestire al meglio le campagne. I pagamenti vengono effettuati il 10 di ogni mese e le soglie minime per richiederli sono:

  • 5$ per pagamenti su PayPal;
  • 20$ per pagamenti con Payoneer;
  • 5$ per pagamenti con WebMoney.

Shorte.st propone un programma referral del tutto simile a quello di AdFly, che consente di guadagnare il 20% di commissioni sul guadagno di chi si è iscritto tramite il proprio link. Le modalità di registrazione, i vantaggi e gli svantaggi sono praticamente identici a quelli di AdFly.

2 commenti in “I 5 migliori URL shorteners 2017 per accorciare i tuoi link, gli outsider, quelli con cui puoi guadagnare.”
  1. Commento inviato da Raffaele il

    Ciao, piacere mi chiamo Raffaele e sono l’admin di http://moneyurl.eu Vorrei segnalare anche questo mio sito, in quanto offre un ottimo servizio di short link. Si guadagna quasi 0,01$ a click, payout a 10$ su paypal o bitcoin wallet, ed in più offre il 30% sui guadagni ref indirizzati fagli utenti. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi nel tuo commento: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Translate Page

Controlla con Skrawl

Controlla link e siti web di cui non ti fidi con Skrawl!

Send this to a friend