18/05/2017 – SEO: COS’È? UNA SPIEGAZIONE PER NEOFITI

SEO: Cos'è e come funziona, una spiegazione per Neofiti

Cos’è la SEO? SEO è un acronimo che sta per Search Engine Optimization, termine che possiamo tradurre alla lettera come ottimizzazione per i motori di ricerca. Conoscere la teoria che sta dietro all’ottimizzazione SEO è sicuramente importante sia per chi desidera comprendere meglio come funzionano i meccanismi occulti dei motori di ricerca, sia per chi desidera assumere un professionista che abbia l’incarico di migliorare la presenza del proprio sito online – se conosci il tuo nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura – per citare Sun Tzu, ‘L’arte della Guerra’. Considerato l’elevato numero di web master e web agency che offrono servizi di ottimizzazione SEO per siti e aziende, e che generalmente gli investimenti iniziali risultano essere piuttosto importanti, avere un’infarinatura di SEO è sicuramente un vantaggio da non sottovalutare.

Chi sia affaccia per la prima volta al mondo della SEO può rimanere inizialmente confuso...
Chi sia affaccia per la prima volta al mondo della SEO può rimanere inizialmente confuso...

SEO: Cos'è? Un esempio pratico

Per comprendere meglio cos’è la SEO fare qualche esempio potrebbe essere la strada migliore da imboccare. Mettiamoci dalla parte dell’utente che esegue una ricerca: ho bisogno di trovare un albergo a Milano. Per farlo, digito nella stringa di ricerca di Google le parole “hotel Milano” (con eventuali aggettivi, come economico, 4 stelle, stazione, ecc.). I risultati che mi aspetto di trovare sullo schermo del pc, dello smartphone o del tablet sono di una lista di alberghi a Milano, non di ostelli a Roma, e mi aspetto di reperire anche tutte le informazioni relative alla struttura ricettiva nella quale trascorrerò il mio tempo: la prima cosa da fare, se si gestisce un albergo a Milano e si desidera reperire clienti dalle ricerche sui motori di ricerca, sarà, quindi, preparare contenuti completi che forniscano ai potenziali clienti tutte le informazioni possibili, che contengano la parola chiave (keyword) hotel Milano.

Videoesempio dei risultati a pagamento e organici di Google (Parola chiave "Hotel Milano")

Mastro vetraio in azione
"Fare SEO" significa prima di tutto rimboccarsi le maniche e ... lavorare.

SEO: Cos’è e cosa significa "Fare SEO".

Per entrare in punta di piedi nell’aspetto più tecnico della SEO, diciamo subito che le tecniche e le strategie di ottimizzazione per i motori di ricerca hanno la finalità, una volta applicate, di migliorare la posizione del proprio sito web, che spunterà tra i primi risultati nei motori di ricerca. Bisogna però distinguere tra due diverse tipologie di risultati: quelli organici, gratuiti, e quelli a pagamento. I risultati a pagamento non sono altro che gli annunci di Google ADWords per esempio. “Fare SEO” significa invece generare traffico organico e per farlo è importante curare ogni singolo aspetto di un sito web:

  • La struttura HTML – In modo che non ci siano errori nel codice, le informazioni siano logicamente ben suddivise e ogni pagina sia facilmente “leggibile” per i motori di ricerca;
  • La struttura del sito – Per consentire sia al motore che agli utenti di navigare rapidamente verso le informazioni più importanti;
  • I contenuti testuali e la semantica del testo – Perché gli utenti si soffermano a leggere solo contenuti nuovi, interessanti e che corrispondono alle parole chiave che hanno cercato;
  • I link in entrata (i backlink) – che da altri siti web rimandano al proprio – e i link in uscita, che dal proprio sito web rimandano ad altre pagine esterne.
  • Le prestazioni – Perché gli utenti scappano molto rapidamente dai siti lenti!
  • La compatibilità con i dispositivi mobile – Ormai oltre il 60% delle ricerche in internet avviene tramite dispositivi mobile (Smartphones, tablets). Un sito non “Mobile friendly” perde oltre il 60% di potenziali visitatori!
  • La sicurezza
  • … e molti altri aspetti (A questo link è disponibile la guida completa alla SEO).

"SEO per neofiti" è sinonimo di "Google"

SEO per neofiti è sinonimo di Google. Pur non essendo propriamente così, è importante dire che, essendo Google il motore di ricerca più utilizzato al mondo, è ovviamente anche quello sul quale si investe più tempo e risorse per comprenderne i meccanismi. Avete mai sentito parlare di algoritmo di Google? Si tratta del modo di pensare e di reagire a determinate informazioni presenti su un sito da parte di Google. Sapere come Google pensa e reagisce dà modo di migliorare i contenuti e la struttura dei siti web per consentire al motore di ricerca di favorirli, facendoli emergere nelle prime pagine e permettendo a più utenti di cliccarci e quindi di visitare il sito.

keywords

L’Importanza delle Keyword per l’ottimizzazione seo

Lo strumento principale per mettere in pratica le tecniche SEO sono le keyword. Come accennato nel paragrafo precedente, queste parole chiave servono a Google per capire di cosa parla il sito: curarle in maniera adeguata affinché siano correlate tra loro favorirà nettamente il posizionamento sul motore di ricerca.

Attenzione però: Google è in grado di riconoscere le keyword acchiappa-click. Se il sito di una pizzeria milanese oltre alle keyword pizzeria Milano, pizza margherita Milano e pizza Milano prova a sfruttare l’appetibilità di una keyword come Belen Rodriguez foto sexy, senza che il sito in questione sia effettivamente incentrato sulle foto sexy di Belen, Google punirà il sito facendolo scendere di ranking. Per dirla in parole povere, la pagina web della propria pizzeria a Milano, anziché essere tra i risultati della prima o della seconda pagina di Google, sarà nella cinquantesima.

Per quanto le tecniche SEO per l’ottimizzazione delle keyword possano sembrare facili, purtroppo non è esattamente così. Ovviamente, tornando all’esempio della pizzeria di Milano, la concorrenza sarà elevatissima, i nomi di punta delle pizzerie più rinomate saranno sempre più in alto, soprattutto se l’ottimizzazione SEO alle spalle dei loro siti di riferimento sarà eccellente e perfezionata da ogni punto di vista. A questo proposito, cercare di comparire su blog o siti di riferimento del proprio settore incrementerà il ranking del proprio sito web, che Google premierà portandolo più in alto nei risultati delle ricerche.

Per riuscire nell’intento, sarà opportuno realizzare contenuti interessanti che possano essere condivisi sui social, da altri siti web e portali importanti.

SEO cos'è? Gli errori da non commettere

È facile cadere in tentazione cercando di fregare l’algoritmo di Google. Come abbiamo cercato di spiegare nel paragrafo precedente, nonostante l’algoritmo sia azionato da sterili robot, questi sono in grado di scovare i furbetti e punirli per aver provato a fregare il sistema. Le pratiche scorrette della SEO (chiamate Black Hat SEO), per quanto possano sembrare appetibili, sono uno degli errori peggiori che si possano compiere nell’ambito dell’ottimizzazione per i motori di ricerca.

Farcire i testi del proprio sito web di keyword non è una buona idea: per prima cosa, sarà necessario scegliere una keyword principale che si troverà nel titolo, negli alt tag delle immagini e, ovviamente, nel testo stesso e delle keyword secondarie. Per farlo, è utile applicare la teoria della Long Tail di C. Anderson, per la quale più un prodotto è di nicchia, più il profitto potrà essere elevato: in ottica SEO, è considerevolmente più appropriato scegliere di adottare molte keyword specifiche, con poca concorrenza, anziché poche, ma troppo generiche.

Altre tecniche di Black Hat SEO severamente vietate consistono nell’utilizzo di un testo nascosto (per esempio dello stesso colore dello sfondo) o nella differente reazione rispetto al click di un umano e al click di un motore di ricerca: parliamo di cloaking, in questo caso. Sconsigliamo vivamente di ricorrere a certi sotterfugi per far crescere la propria pagina, perché potrebbero peggiorare soltanto la situazione e penalizzare gravemente il sito.

Attenzione a non commettere errori grossolani: Sbagliare è facile per chi è alle prime armi!
Attenzione a non commettere errori grossolani: Sbagliare è facile per chi è alle prime armi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi nel tuo commento: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Translate Page

Send this to friend