Le 5 migliori piattaforme di e-commerce a confronto

Le 5 migliori piattaforme di e-commerce a confronto

Pregi, difetti, costi e principali caratteristiche degli e-commerce gratuiti e a pagamento più famosi, per aiutarti a scegliere il migliore tra Shopify, Magento, WooCommerce, PrestaShop e OpenCart.

In questo articolo trovi una panoramica generale sugli e-commerce più popolari ed utilizzati, in modo da capire quale sia quello che si adatta al meglio alle tue esigenze. Per ogni piattaforma abbiamo analizzato alcuni aspetti principali:

  • Configurazione iniziale e semplicità d’uso
  • Funzioni disponibili con gallery di immagini
  • Design e temi
  • Manutenzione
  • Costi di avvio
  • A chi è adatto
  • Pregi e difetti
  • Come provarlo

In più, trovi anche alcune statistiche principali sulla diffusione di ognuno degli e-commerce ed una pratica infografica riassuntiva.

Elenco degli e-commerce a confronto

Quali e-commerce abbiamo preso in considerazione? Eccoli qui elencati, con una breve presentazione e alcune statistiche:

1. Shopify – Il più semplice da usare ed il più diffuso a livello globale, anche se in Italia ancora stenta a prendere piede. Costi contenuti, funzioni di base per iniziare e possibilità di utilizzo anche da parte di chi non è ferrato in materia. E’ perfetto se cerchi un servizio in cloud pronto a partire in pochi minuti e non ti spaventa pagare un piccolo abbonamento mensile. Non è adatto invece a chi preferisce una soluzione da installare su server proprio o è alla ricerca di funzioni e strumenti professionali.

Statistiche di Shopify

  • Attualmente adottato da 880.000 siti, in crescita.
  • Circa 22.000 siti in Top 1M (Vedi oltre).
  • Ne fanno uso 1.800 siti web in Italia.

 

2. Magento – Il più professionale (E costoso), perfetto per la grande industria e ricco di funzionalità avanzate per gestire e ottimizzare al massimo i processi di vendita. E’ la scelta migliore per le imprese che hanno a disposizione un buon budget, un team di sviluppo e vogliono avere il pieno controllo del proprio e-commerce. Non a caso Magento è stato scelto da FIAT, Ducati, Delonghi e dalla maggior parte dei big player dell’industria italiana.

Statistiche di Magento

  • Al momento utilizzato da 245.000 siti.
  • 15.000 siti in Top 1M (Vedi oltre).
  • In Italia è attivo su circa 6.200 siti.

 

3. WooCommerce – L’alternativa economica, in assoluto la più utilizzata da piccoli imprenditori, piccole/medie imprese e da chi vuole provare a vendere online senza spendere un capitale. E’ la soluzione perfetta per chi vuole iniziare a vendere sul proprio sito WordPress senza doversi preoccupare di sottoscrivere un abbonamento.

Statistiche di WooCommerce

  • Usato da oltre 470.000 siti a livello globale, in costante crescita.
  • 26.000 siti in Top 1M (Vedi oltre).
  • 9.600 siti lo utilizzano in Italia.

 

4. PrestaShop – Un framework completo e-commerce + CMS gratuito ed open-source, per iniziare a vendere online. Simile a WooCommerce, ma con più funzioni out of the box e la possibilità di usufruire di un servizio professionale in cloud. E’ adatto a chi cerca una soluzione gratuita che possa adattarsi sia ad una realtà server che ad una cloud.

Statistiche di Prestashop

  • 250.000 siti a livello mondiale.
  • 4.300 siti in Top 1M (Vedi oltre).
  • 10.800 siti in Italia.

 

5. OpenCart – Meno utilizzato rispetto ai precedenti nonostante sia tra i più longevi. Di base è gratuito, molto semplice da utilizzare e con una curva di apprendimento che lo rende adatto anche a chi non mastica bene l’informatica. Infinite possibilità di espansione e prestazioni al top. Va bene per le piccole e medie imprese in cerca di un e-commerce open-source e gratuito, ricco di estensioni da aggiungere e semplice da usare.

Statistiche di OpenCart

  • 390.000 siti a livello mondiale.
  • 4.000 siti in Top 1M (Vedi oltre).
  • Utilizzato da circa 3.500 siti italiani.

 

Se hai fretta, all’interno dell’infografica puoi trovare una sintesi dei vantaggi e degli svantaggi di ogni soluzione. Se invece sei interessato ad approfondire,continua a leggere.

Le 5 migliori piattaforme di e-commerce a confronto: Shopify vs Magento vs WooCommerce vs PrestaShop vs OpenCart. Clicca l'immagine per visualizzare l'infografica ad alta risoluzione.
Le 5 migliori piattaforme di e-commerce a confronto: Shopify vs Magento vs WooCommerce vs PrestaShop vs OpenCart. Clicca l'immagine per visualizzare l'infografica ad alta risoluzione.

Perché proprio questi?

Perché quelli elencati sono attualmente i 5 e-commerce più utilizzati al mondo. E a dirlo sono entità piuttosto autorevoli: Google e BuiltWith. Qui sotto trovi alcuni grafici che lo dimostrano:

  • Il grafico di Google Trends delle ricerche mondiali (Motore di ricerca Google – ultimi 12 mesi) degli e-commerce elencati. Un maggior numero di ricerche significa un maggior interesse generale. I dati sono aggiornati giornalmente.
  • Alcuni grafici tratti da BuiltWith.com, che rappresentano il numero di numero di siti web rilevati che adottano l’una o l’altra tecnologia. I grafici riportano solo i siti in Top 1M. La Top 1M è la classifica con il primo milione di siti al mondo, per numero di utenti mensili.

Ricerche mondiali negli ultimi 12 mesi (Google Trends)

Attendi qualche istante il caricamento del grafico. Se il grafico non viene mostrato, prova a ricaricare la pagina premendo CTRL+F5.

Grafici BuiltWith.com (Numero di domini in classifica Top 1M)

Grafici aggiornati ad Aprile 2019.

SHOPIFY - Installazioni live di Shopify nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
SHOPIFY - Installazioni live di Shopify nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
MAGENTO - Installazioni live di Magento nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
MAGENTO - Installazioni live di Magento nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
WOOCOMMERCE - Installazioni live di WooCommerce (Con modulo di checkOut attivo) nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
WOOCOMMERCE - Installazioni live di WooCommerce (Con modulo di checkOut attivo) nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
PRESTASHOP - Installazioni live di PrestaShop nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
PRESTASHOP - Installazioni live di PrestaShop nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
OPENCART - Installazioni live di OpenCart nella classifica TOP 1M di Builtwith.com
OPENCART - Installazioni live di OpenCart nella classifica TOP 1M di Builtwith.com

Shopify

Iniziamo con quello che è probabilmente il sito di e-commerce più popolare al mondo in questo momento. Dopo il boom di qualche anno fa con il fenomeno del dropshipping, Shopify è attualmente il gigante incontrastato del settore e sicuramente la prima delle alternative da prendere in considerazione per creare un e-commerce in rete in tempi rapidissimi. Si tratta di un servizio in cloud a pagamento, attraverso il quale è possibile creare un virtual shop senza grandi conoscenze di informatica. Estremamente semplice da utilizzare, Shopify offre tutte le funzionalità necessarie per partire velocemente e senza troppi grattacapi. Ecco alcune delle peculiarità della versione base di Shopify:

  • Configurazione dei prodotti e del catalogo
  • Pagamenti con carta di credito, Paypal etc.
  • Gestione dei codici sconto
  • Tariffe e tasse di spedizione configurabili
  • Recensioni
  • Integrazione con i principali social network
  • Temi SEO friendly e già adatti al mobile
  • Sistemi di sicurezza e protezione contro le frodi
  • Blog integrato
  • Importazione ed esportazione file
  • Statistiche e report di analisi avanzati (Finanze, vendite, etc.)
  • Gestione carrelli abbandonati
  • Possibilità di fare dropshipping (Con plugin di terze parti)

Sono poi disponibili molte altre funzionalità, che generalmente variano in quantità e qualità in base al piano acquistato, con la formula “Più paghi, più ottieni”.

Configurazione

La configurazione dell’e-commerce può letteralmente avvenire in pochi minuti grazie alla natura in cloud del servizio. Non dovrai infatti installare la piattaforma su nessun server, riducendo di molto i tempi di partenza. In più, Shopify non richiede nessuna esperienza di programmazione o simili competenze tecniche, la sua interfaccia è molto intuitiva e ti guida nel set-up dello store virtuale con una semplicità senza precedenti. C’è anche la possibilità di importare le descrizioni e le immagini dei prodotti in “bulk” per creare negozi ricchi di contenuti in tempi veramente irrisori.

Design e temi

Shopify offre una varietà sterminata di templates per il tuo negozio online, non tutti però sono gratuiti. La maggior parte sono a pagamento e i prezzi variano da qualche euro fino a qualche centinaio. La buona notizia è che i design gratuiti sono comunque solidi e per cambiare da un design all’altro basta solo un click. Tutti i template sono ottimizzati per la piattaforma e si adattano automaticamente alla struttura del sito senza dover impostare ogni elemento singolarmente come invece accade in altri casi. È possibile anche creare temi personalizzati ma è un’operazione più difficile e richiede comunque un minimo di esperienza.

Manutenzione

La bellezza di Shopify risiede anche in questo: essendo un servizio di e-commerce in cloud non bisogna preoccuparsi di nessun aggiornamento o manutenzione, viene tutto gestito automaticamente dal sito senza costi aggiuntivi.

Costi

Quanto costa Shopify? Shopify è un servizio in abbonamento e come tale ha una tariffa mensile. Il costo minimo è di 9 dollari al mese ma ci permette di vendere solo su Facebook. Per aprire di fatto il nostro store digitale dobbiamo spendere almeno 29 $ al mese acquistando il pacchetto “Shopify basic”. Se invece siamo una grande azienda e abbiamo bisogno di tutte le funzionalità che l’eCommerce può offrire possiamo acquistare il pacchetto “Shopify plus” ad un costo di circa 2000 $ mensili (La tariffa è variabile ed è necessario richiedere una quotazione allo staff). Ci sono poi alcuni pacchetti intermedi per le piccole e medie imprese, rispettivamente da 29 $, 79 $ e 299 $ mensili. Oltre all’abbonamento mensile, bisogna normalmente prendere in considerazione gli eventuali costi variabili aggiuntivi da spendere per acquistare temi professionali o altre funzionalità particolari che dovremo aggiungere al nostro shop.

Per chi è perfetto Shopify?

Shopify è probabilmente la scelta migliore se hai un budget minimo a disposizione e cerchi un servizio in cloud che si prenda cura di sé da solo, semplicissimo da usare e pronto a partire nel minor tempo possibile. E’ sconsigliato invece per le aziende che cercano il controllo assoluto sul proprio e-commerce e non vogliono dipendere da piattaforme di terzi, o che hanno bisogno di soluzioni professionali completamente personalizzabili, di livello più alto.

Vantaggi e svantaggi

  • Semplicissimo da utilizzare, anche per chi non mastica molto di informatica, internet ed e-commerce.
  • È attualmente il più utilizzato a livello globale tra i servizi in cloud di questo tipo.
  • Non ha bisogno di server proprietario né manutenzione.
  • Mette a disposizione tutte le funzionalità di base per lanciare un e-commerce.
  • Supporto 7/7, 24/24 incluso nel prezzo.
  • Necessario un abbonamento mensile, a costi variabili in base a quanto è “professionale” lo shop online.
  • Essendo esclusivamente un servizio, il codice sorgente del software non è disponibile. Non è quindi possibile integrarlo con altri sistemi software (CRM, ERP, etc.) ne tantomeno creare nuove funzioni/pagine particolari come ad esempio configuratori di prodotto avanzati.
  • Una volta implementato l’e-shop, si rimane dipendenti dalla piattaforma di Shopify. Questo significa che terminato l’abbonamento, cessa anche l’esistenza dell’eCommerce.

Come provarlo

Puoi provare Shopify sottoscrivendo la prova gratuita di 14 giorni al link https://it.shopify.com/.

Magento

A differenza di Shopify, Magento è un software di eCommerce open-source completo, che necessita di essere installato su un server/hosting ad esso dedicato. Magento è una soluzione professionale, robusta e affidabile, che con i suoi oltre 10 anni di sviluppo alle spalle è stata tra le prime ad apparire sul mercato. Per questo motivo, domina ancora oggi il mercato delle piattaforme di e-commerce, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo da parte di grande imprese e big player internazionali. A differenza delle piattaforme in cloud ed essendo Magento un software open source, è possibile modificare programma e temi a piacimento per sopperire a qualsiasi necessità: è possibile ad esempio inserire nuove funzionalità o modificare quelle esistenti per meglio adattarlo alle proprie esigenze, ma se hanno a disposizione solide conoscenze nello sviluppo web in PHP (O in alternativa, un buon team di programmatori a disposizione). Magento viene offerto sia gratuitamente, nella versione “Community” che deve essere installata su server proprio, sia attraverso servizi premium a pagamento, che includono funzionalità aggiuntive e possono o meno comprendere l’hosting. Non basterebbe un libro intero per elencare tutte le caratteristiche di Magento, eccone alcune:

  • Configurazione avanzata dei prodotti
  • Sistema CMS integrato per la pubblicazione di blog e contenuti
  • Gestione di negozi multipli (Es: Abbigliamento, giochi, elementi di arredo, prodotti di bellezza …) dalla stessa dashboard
  • Ampia disponibilità di Web service ed API per l’integrazione con altri sistemi software
  • Tema e layout del sito web completamente personalizzabili
  • Gestione gruppi di clienti
  • Possibilità di fare test A/B e multivariati delle pagine di prodotto
  • Supporta tutti i principali sistemi di pagamento, tra i quali bonifico, carta di credito, Paypal, Amazon Pay, Google Checkout
  • Calcolo in tempo reale dei costi di trasporto con i principali operatori e sistema integrato per la gestione delle spedizioni. UPS e FedEx sono compresi nell’edizione base, DHL, TNT ed altri previo installazione delle relative estensioni
  • Gestione Gift cards, pacchetti regalo e Wishlist
  • Sistema integrato per il tracciamento dell’ordine da parte del cliente, con mail di notifica
  • Calcolo automatico della tassazione per località, prodotto, segmento di utenza…
  • Funzioni specifiche per l’ottimizzazione SEO
  • Grafici, report e statistiche avanzate sulle vendite, sul numero di carrelli abbandonati, sulle rimanenze a magazzino, sui prodotti più venduti e più visti, tasse e fisco, coupon …
  • Strumenti di marketing e promozione avanzati, profilazione e segmentazione visitatori, newsletter, sondaggi, sconti e prezzi promozionali, landing, regole di attribuzione dei coupon, restrizioni di prezzo, sconti su volume, prodotti in bundle, etc.
  • Creazione e stampa automatica delle fatture e delle bolle di accompagnamento
  • Dashboard dedicata specifica per il Call Center
  • Gestione completa del catalogo prodotti, sia per prodotti fisici che digitali

E in più recensioni integrate, tag di prodotto, funzioni per cross-selling e upsell, prodotti recenti, confronto tra prodotti e tantissime altre funzioni avanzate.

Configurazione

Essendo un software che non si appoggia su server esterni, Magento va installato e configurato manualmente sul server che lo ospita. Il launcher tuttavia, ci guida piuttosto agevolmente attraverso la prima installazione, rendendola facile da seguire, almeno inizialmente. La configurazione completa invece è un processo decisamente molto più lungo rispetto a Shopify o ad altre alternative a basso costo, ma ci garantisce ovviamente il completo controllo sulla piattaforma.

Design e temi

Magento mette a disposizione una discreta varietà di temi per lo store che abbiamo in mente. Tuttavia, escludendo quello predefinito tutti gli altri temi disponibili sono a pagamento. Il prezzo varia da poche decine di dollari fino anche ai 500 € e oltre per i temi professionali.  È anche ovviamente possibile creare un tema personalizzato senza spendere un euro, ma non senza fatica. Creare un tema da zero per Magento può essere un lavoro lungo in grado di mettere rapidamente in crisi chi non è ferrato in materia di programmazione.

Manutenzione

Magento è un programma molto complesso in hosting su server, ed ha quindi bisogno di manutenzione e aggiornamenti periodici. Gli aggiornamenti non sono automatici: saremo noi a dover aggiornare il software per assicurarci che tutto funzioni a dovere e che non ci siano problemi di sicurezza. Eventualmente sistemando i problemi che dovessero manifestarsi, soprattutto se sono state sviluppate delle personalizzazioni. Alternativamente, dovremo ingaggiare un’agenzia o un professionista che se ne prenda cura periodicamente.

Costi

Arriviamo alla parte meno digeribile, il prezzo. Magento offre il programma “community” gratuitamente che, pur non essendo all’altezza dei pacchetti a pagamento, è ricco di funzionalità e può essere un’ottima idea per iniziare senza costi aggiuntivi. Ci sono poi altri due pacchetti professionali “Cloud” ed “Entreprise”, studiati per le aziende, i cui prezzi sono rispettivamente di 2.000 $ e 22.000 $ l’anno. Bisogna però precisare che i costi non finiscono qui: Magento è un e-commerce progettato per le imprese che fanno sul serio, è molto complesso e i costi per la personalizzazione e la manutenzione sono normalmente molto alti.

A chi è adatto Magento?

Magento è un’ottima soluzione se rappresenti un’impresa media o grande che ha a disposizione un server proprio – o meglio, una server farm – almeno uno sviluppatore, un buon budget a disposizione, hai la necessità di avere funzionalità avanzate ed il pieno controllo del tuo e-commerce per essere in grado di personalizzarlo al massimo. Potrai modellarlo a tuo piacimento e renderlo perfetto per le esigenze imprenditoriali della tua azienda, mantenendo il controllo totale e con un livello di sicurezza sempre al top. Magento è invece sconsigliato per realtà più piccole o singoli che non hanno a disposizione un buon server, non hanno esperienza di sviluppo web, non possono permettersi di pagare figure professionali dedicate alla sua manutenzione e in definitiva non hanno a disposizione un budget annuale adeguato a mandare avanti un sistema avanzato di questo tipo.

Vantaggi e svantaggi

  • È una soluzione professionale, robusta e affidabile, molto utilizzata all’estero e dalle grandi aziende in genere.
  • Mette a disposizione strumenti avanzati di gestione di tutti i tipi, dalla gestione del magazzino alla contabilità, offre sistemi per l’integrazione con i più comuni ERP, CRM e con i marketplace principali (Amazon, Ebay…). Oltre a molte altre funzionalità avanzate.
  • Il framework è completamente personalizzabile secondo le proprie esigenze. È possibile creare temi, plugin e funzioni totalmente personalizzate, a patto di avere l’esperienza necessaria per farlo o un team di sviluppo dedicato.
  • Possibilità di creare un multistore dalla stessa installazione (Diversi negozi virtuali sullo stesso server).
  • In genere richiede costi di gestione e manutenzione molto elevati, dell’ordine di almeno qualche decina di migliaia di dollari/euro all’anno.
  • È necessario avere ottime conoscenze di informatica per farlo funzionare a dovere su server proprio. Installazione e prima configurazione sono relativamente semplici ma affrontare i problemi che ne derivano può essere molto difficoltoso per chi non è specializzato in materia.
  • Indispensabile avere a disposizione un dominio ed un hosting di eccellenza, o meglio un server dedicato o una server farm: Magento è normalmente più lento sugli hosting tradizionali, rispetto alle altre alternative.

Come provarlo

Ecco alcuni siti pubblici di test per dare un’occhiata a Magento, senza il bisogno di installare nulla:

Demo MageDirect

Frontend: https://demo1-m2.mage.direct/
Backend: https://demo1-m2.mage.direct/admin/

Demo FireBear Studio (Sola lettura)

Backend: http://magento2demo.firebearstudio.com/index.php/admin/

Demo BSSCommerce

Frontend: http://104.237.149.38/magento23/
Backend: http://104.237.149.38/magento23/admin

Per l’accesso al backend di BSSCommerce
Username: admin
Password: admin123

WooCommerce

Con una copertura complessiva di oltre il 20% su tutti gli e-commerce store online, WooCommerce è sicuramente la principale alternativa gratis che vale la pena di approfondire. WooCommerce è fondamentalmente un plugin gratuito che permette di vendere prodotti da un qualsiasi sito sviluppato in WordPress. Nella versione di base, offre le funzioni essenziali necessarie a vendere i propri articoli, dalla pubblicazione dei prodotti fino al pagamento, passando per il calcolo della tassazione ed il checkout. Ecco alcune delle caratteristiche primarie di WooCommerce:

  • Configurazione di prodotti digitali e fisici, classificazione per tipologie, variabili di prodotto e varianti, SKU
  • Calcolo di base automatico della tassazione e geolocalizzazione del cliente
  • Supporta tutti i principali sistemi di pagamento inclusi bonifico, assegno, pagamento alla consegna, Paypal, Amazon Pay, Stripe, Square, eWay, PayFast, Klarna e un’infinità di altri
  • Integrazione con WordPress per la pubblicazione di blog e contenuti
  • Tema e layout del sito web completamente personalizzabili
  • Gestione di base dell’inventario
  • Gestione di base dei costi di trasporto
  • Funzioni specifiche per l’ottimizzazione SEO
  • Grafici, report e statistiche di base

Come già detto, la versione “out of the box” di WooCommerce offre tutte le funzioni di base, tuttavia per avere un sistema pienamente funzionante dovremo installare una buona quantità di estensioni aggiuntive (Gratuite o a pagamento). Ad esempio per integrarlo con un CRM, per gestire completamente spedizioni e magazzino o per fare marketing automation.

Configurazione

Come per Magento, WooCommerce richiede un dominio ed un hosting dedicati, e va installato e configurato manualmente sul sito WordPress che avremo avuto cura di installare in precedenza sul server. Essendo un plugin, WooCommerce risulta particolarmente facile da installare sul sito. La procedura è la stessa di qualsiasi altro plugin per WordPress: basta andare nella directory dei plugin di WordPress e caricare il plugin, o ancora più semplicemente utilizzare l’apposita funzionalità di installazione automatica disponibile dalla dashboard di WP. Una volta installato, l’intero sistema è operativo in pochi minuti grazie all’installazione guidata, inclusi pagamenti e spedizioni. Come nel caso di Magento però, personalizzare e configurare la piattaforma al meglio richiede un certo tempo tempo ed un minimo di conoscenze di informatica per risolvere i problemi più comuni.

Design e temi

WooCommerce si appoggia ai temi di WordPress compatibili. Per trovare il tema che fa per noi quindi dovremo rivolgerci alla libreria di temi di WordPress, assicurandoci ovviamente che il tema scelto sia compatibile con il nostro plugin e-commerce. Alternativamente, potremo trovare temi studiati appositamente per WooCommerce, sia gratis sia premium a pagamento, ricercando online. Oppure potremo costruirne uno da zero… se abbiamo le competenze per farlo e del tempo a disposizione.

Manutenzione

WooCommerce ha bisogno della normale manutenzione di cui tutti i plugin di WordPress hanno bisogno: è necessario aggiornarlo periodicamente alla versione più recente insieme al core di WordPress, ai temi ed agli altri plugin installati. Come nel caso di Magento, l’aggiornamento può creare problemi che non sono risolvibili in maniera semplice, e per i quali è necessario avere competenze di programmazione o un professionista dedicato.

Costi

WooCommerce è un plugin di per sé gratuito, ma non offre funzioni avanzate che altre soluzioni più professionali offrono. Come ad esempio strumenti SEO avanzati, funzioni per la gestione del magazzino e della contabilità, della fatturazione, etc. Per ottenere funzionalità aggiuntive, siamo normalmente costretti ad installare altri plugin specifici gratuiti o a pagamento, o in alternativa a sviluppare le funzionalità da zero. E tutti questi costi devono essere considerati nel computo complessivo.

Per chi va bene WooCommerce?

WooCommerce è probabilmente una buona scelta per i curiosi che vogliono provare l’eCommerce online per la prima volta, gratuitamente o comunque senza investire cifre esorbitanti. Oppure per chi ha già un sito WordPress e cerca la soluzione più economica per iniziare a vendere prodotti in rete, senza necessariamente avere un budget da investire per iniziare e mantenere l’attività e senza dover creare un sito apposito per la vendita. WooCommerce va benissimo per le piccole e medie imprese che hanno bisogno di una soluzione semplice ed economica per provare a vendere su internet, mentre è assolutamente inadatto alle grandi aziende, che normalmente hanno volumi di vendita molto elevati, hanno bisogno di report e statistiche molto avanzati, e hanno processi interni che richiedono integrazioni ed automazioni con sistemi ERP, di contabilità o altri software complessi.

Vantaggi e svantaggi

  • Di base è totalmente gratuito. E in rete si trovano plugin aggiuntivi e temi altrettanto gratuiti per estenderne le funzionalità.
  • Grande quantità di temi e oltre 400 estensioni disponibili da utilizzare per la personalizzazione.
  • È in assoluto il più utilizzato tra gli e-commerce gratis/economici.
  • Il framework è completamente personalizzabile secondo le proprie esigenze. È possibile creare temi, plugin e funzioni totalmente personalizzate, a patto di avere l’esperienza necessaria per farlo.
  • Per utilizzarlo è necessario avere dominio, hosting e sito su piattaforma WordPress.
  • Va tenuto aggiornato, e gli aggiornamenti possono comportare problemi più o meno gravi.
  • Non è altrettanto sicuro rispetto a soluzioni professionali o servizi in cloud.
  • Di base non ha tutte le funzionalità avanzate messe a disposizione da soluzioni più professionali, come Magento ad esempio. È indispensabile installare (E in parte, acquistare) molti altri plugin per aggiungere funzioni professionali, con rischio esponenziale che le estensioni utilizzate vengano totalmente abbandonate dagli sviluppatori o che gli aggiornamenti creino conflitti difficili da risolvere successivamente.
  • È necessario avere conoscenze di informatica e un po’ di esperienza con WordPress per farlo funzionare correttamente. Installazione e configurazione sono relativamente semplici ma affrontare i problemi che ne derivano può essere difficoltoso, soprattutto se non si è specialisti in materia e soprattutto se il sistema sta raggiungendo dimensioni ragguardevoli.
  • Per come è strutturato, può soffrire di problemi prestazionali quando il numero di visitatori sale oltre un certo limite. È poco scalabile.

Come provarlo

Demo RightPress

Al momento, l’unico sito di test pubblico che conosciamo per provare il backend di WooCommerce senza installarlo è accessibile a questo link dopo aver risolto il quesito matematico

Backend: http://demo.rightpress.net/8746370/

Tuttavia non tutte le funzioni sono visibili. L’unica altra alternativa è scaricare ed installare sia WordPress che Woocomerce. Non siamo a conoscenza di altri siti dimostrativi ufficiali: Se hai creato un sito di test per WooCommerce o ne conosci uno, segnalacelo nei commenti!

PrestaShop

Analogamente a WooCommerce, PrestaShop è una soluzione e-commerce gratuita ed open-source per iniziare a vendere online. Diversamente dal precedente tuttavia, PrestaShop offre un framework CMS completo, decisamente più ricco di funzionalità e sviluppato appositamente per vendere prodotti oltre che per pubblicare contenuti.  PrestaShop può essere utilizzato in due modalità: può essere installato e configurato sul proprio server personale, soluzione questa adatta a chiunque voglia essere indipendente da piattaforme di terzi, oppure può essere utilizzato attraverso il servizio in cloud “PrestaShop Ready” a pagamento, senza necessità di installazione e soprattutto senza preoccupazione alcuna per tutti i problemi tecnici e di sicurezza che possono derivare dalla gestione di un sito di questo tipo. Le funzionalità a disposizione sono molto ampie sia per la versione scaricabile sia per il servizio in cloud, ecco alcune delle caratteristiche principali:

  • Configurazione avanzata di prodotti fisici e asset digitali, gestione dei codici prodotto
  • Gestione completa del magazzino. È in grado di gestire depositi multipli, POS, quantità minime e molto altro
  • Funzioni integrate per la gestione di fisco e contabilità
  • Gestione di corrieri, consegne e costi relativi, regole avanzate di attribuzione della spedizione, gestione dei resi
  • Tracciatura integrata dello stato dell’ordine della spedizione, con mail di notifica
  • Gestione gruppi di clienti e relative regole di pricing
  • Newsletter integrata
  • Calcolo di base automatico della tassazione e geolocalizzazione del cliente
  • Tema e layout del sito web completamente personalizzabile
  • CRM integrato
  • Funzioni integrate per il supporto e l’assistenza clienti (Customer Service)
  • Strumenti di marketing e promozione di base, coupon e sconti, funzioni per il cross-selling, prodotti suggeriti e in bundle
  • Gestione dei carrelli abbandonati
  • Gestione di negozi multipli dallo stesso back-office
  • Funzioni specifiche per l’ottimizzazione SEO
  • Grafici, report e statistiche di base

Supporta alcuni tra i principali sistemi di pagamento inclusi pagamento alla consegna, assegno, bonifico, Stripe, Skrill, Amazon Pay, CloudSwipe e PayPal (Tramite plugin gratuito).

Configurazione

Creare uno store online funzionante con PrestaShop è abbastanza semplice: Il programma di installazione ci guida attraverso la creazione del negozio virtuale, sia nella versione in cloud che nella versione su server locale. Non è lo store più veloce da rendere operativo ma sicuramente neanche il più complicato, e come nei casi già visti la configurazione ottimale richiede un po’ di tempo ed esperienza, onde evitare di incappare in errori banali che potrebbero impedire all’e-shop di funzionare a dovere.

Design e temi

Anche PrestaShop ci presenta una grande varietà di temi e design per il negozio virtuale che abbiamo in mente, piuttosto ampia considerando la natura gratuita del servizio. Possiamo selezionare un tema dal marketplace integrato e adattarlo alle nostre esigenze, acquistare un tema premium o realizzarne uno se abbiamo le competenze necessarie per farlo.

Manutenzione

Se scegliamo la soluzione in cloud a pagamento, non avremo bisogno di preoccuparci degli aggiornamenti del programma: i gestori del software si prenderanno cura di tutto al posto nostro. In locale sul nostro server invece, dovremo occuparci di aggiornare tutto manualmente per mantenere l’eCommerce sempre funzionante al meglio. Con i soliti immancabili problemi dovuti a bug e incompatibilità varie, soprattutto se abbiamo installato moduli di terze parti o abbiamo fatto realizzare temi e funzioni specifiche per le nostre necessità.

Costi

Come già accennato, PrestaShop è un software gratuito se installato su server di proprietà, ma offre anche la versione a pagamento PrestaShop Ready. Il servizio a pagamento è sicuramente più “user-friendly”: Acquistando questo abbonamento si ottiene un pacchetto di base pensato per contenere tutto ciò che serve per mettere su il primo store online velocemente. Sono poi disponibili moduli a pagamento per aggiungere funzionalità mancanti nella versione base come ad esempio l’integrazione con Amazon e Google Shopping, moduli per l’ottimizzazione SEO e la gestione dei carrelli abbandonati, banner per i cookie e molto altro. Il servizio include i costi di hosting e un servizio d’assistenza 7 giorni su 7, nonché dei video-tutorial per aiutare gli aspiranti e-vendor durante la fase di startup. PrestaShop Ready ha un costo mensile di 19,90 € al mese, più una commissione fissa di vendita dell’1.5%, che per agevolare il lancio dell’e-commerce è azzerata fino al superamento della soglia di 3.000€ di fatturato.

Per chi è perfetto PrestaShop?

PrestaShop si adatta a molte situazioni grazie alla sua duplice natura sia in cloud che in locale e tendenzialmente valgono le stesse identiche considerazioni fatte per WooCommerce. Non è altrettanto diffuso rispetto a WooCommerce, ma mette a disposizione del venditore un sacco di funzionalità aggiuntive … più qualche lacuna “mirata”. Può sicuramente fare al caso vostro se cercate un programma flessibile, potente ed abbastanza economico, con in più l’opzione in futuro di passare da servizio in cloud ad installazione su server proprietario o viceversa.

Vantaggi e svantaggi

  • Al contrario di WooCommerce, non ha bisogno di WordPress e ha molte più funzioni integrate, di livello anche molto elevato.
  • Può essere utilizzato sia tramite servizio in cloud (a pagamento), sia su server proprio (gratis).
  • Supporto incluso nel servizio “PrestaShop Ready”: Telefonico 7/7 in lingua francese, oppure via mail solo nei giorni feriali (in italiano).
  • Grande quantità di temi e moduli extra.
  • Il framework è completamente personalizzabile secondo le proprie esigenze. È possibile creare temi, plugin e funzioni totalmente personalizzate, a patto di avere l’esperienza necessaria per farlo.
  • Possibilità di creare un multistore.
  • Non ha mai raggiunto la popolarità e la diffusione di WooCommerce.
  • Alcune funzionalità indispensabili (Ad esempio, tutta la parte documentale, compresa la fatturazione, ed alcuni metodi di pagamento) sono insufficienti o addirittura mancano nella versione base, ed è necessario installare moduli extra disponibili solo a pagamento.

Come provarlo

Sandbox OpeenSourceCMS

Per provare PrestaShop senza installare nulla, puoi accedere alla sandbox messa a disposizione da OpenSourceCMS seguendo le istruzioni a questa pagina https://www.opensourcecms.com/prestashop/

OpenCart

OpenCart è un software open-source gratuito basato su PHP, pensato per le piccole e medie imprese, tra i più datati ancora presenti sul mercato (La prima release risale al 1999!). I punti di forza di OperCart sono la grande varietà di moduli, la semplicità d’uso ed una struttura di base molto leggera. Sono disponibili oltre 5000 moduli gratuiti e oltre 7000 a pagamento per espandere la piattaforma ed aiutarci a modificare il software in base alle nostre specifiche necessità. Proprio grazie a questi moduli, il programma base di OpenCart può permettersi di avere relativamente poche funzioni, alleggerendo di molto il peso sul server a beneficio delle prestazioni: normalmente migliori rispetto alle altre soluzioni. Come conseguenza di questo “minimalismo”, la versione base di OpenCart si presenta con un’interfaccia molto pulita e semplice da comprendere, e ci consente di imparare ad usarlo progressivamente man mano che installiamo le nuove funzionalità di cui abbiamo bisogno, senza grandi traumi (Almeno inizialmente). Ecco le principali caratteristiche di base, tutte espandibili tramite appositi moduli:

  • Dashboard di amministrazione principale molto intuitiva
  • Configurazione avanzata di prodotti fisici e digitali, con possibilità di definire gruppi di prodotti, cataloghi, fornitori, attributi e opzioni personalizzati (Peso, colore, dimensioni etc.)
  • Supporta nativamente oltre 40 sistemi di pagamento inclusi assegno, bonifico, PayPal, Square, eWay, pagamenti con BitCoin tramite apposito plugin e molti altri
  • Strumenti promozionali e di marketing di base quali gift card, voucher, coupon e sconti, banner, sistema di affiliazione e tracciamento affiliate link, newsletter
  • Gestione di base dei produttori
  • Gestione gruppi di clienti e relative regole di pricing
  • Report e statistiche di base
  • Revisioni e recensioni prodotto integrate
  • Gestione semplice di corrieri, consegne e costi relativi: Citylink, FedEx, Parcelforce, Royal Mail e UPS nativamente, altri disponibili previa installazione dei relativi moduli
  • Pagamenti ricorrenti e abbonamenti
  • Funzioni di base per la gestione di fisco e contabilità (Insufficienti ai fini pratici, è necessario installare moduli supplementari)
  • Tracciatura integrata dello stato dell’ordine della spedizione, con mail di notifica. Gestione dei resi
  • Calcolo di base automatico della tassazione e geolocalizzazione del cliente
  • Tema e layout del sito web completamente personalizzabile
  • Gestione di negozi multipli dallo stesso back-office
  • CRM di base

Configurazione

OpenCart va necessariamente installato su un server dedicato o in hosting. Fortunatamente, grazie alla sua natura minimale, l’installazione è veloce ed indolore, specialmente se abbiamo un po’ di esperienza in merito. Al solito, abilitare tutte le funzioni e configurare la piattaforma al meglio richiede un po’ di esperienza, ma appare comunque un percorso molto più semplice rispetto ai casi già visti. Anche perché le funzioni disponibili inizialmente sono molto poche.

Design e temi

Una volta installato OpenCart si presenta con un tema di default, se vogliamo cambiarlo dovremo cercare online dei temi compatibili. Il marketplace di OpenCart mette a disposizione circa 300 temi gratuiti, alternativamente dovremo acquistarne uno a pagamento, con prezzi che variano dai 20 ai 60 € circa.

Manutenzione

Come tutti i software da installare su host, OpenCart necessita di costante manutenzione. Dovremo prenderci l’onere di ricercare ed installare gli aggiornamenti periodicamente: se non lo facciamo il programma rimarrà obsoleto, non beneficeremo di nuove funzioni o patch e saremo maggiormente esposti a falle di sicurezza.

Costi

OpenCart è un e-commerce fondamentalmente gratis e non prevede alcun piano “premium” in abbonamento. Molte delle funzionalità, sia nella versione base sia per quanto riguarda i moduli di espansione aggiuntivi, sono gratuite ed open-source, con tutti i pro e i contro che questo comporta. Come già accennato, le estensioni ed i temi più innovativi sono a pagamento; nella maggior parte dei casi tuttavia è possibile trovare qualcosa di gratuito che faccia al caso nostro (Con qualche limitazione).

Per chi è ideale OpenCart?

OpenCart è una scelta eccellente per tutti coloro che cercano un software gratuito ed open, semplice ed immediato da utilizzare, estremamente veloce, ricco di personalizzazioni e con la possibilità di installare progressivamente tutte le funzioni che servono per renderlo un sistema professionale, eventualmente investendo in moduli e temi di qualità quando si hanno a disposizione i fondi per farlo.

Vantaggi e svantaggi

  • La piattaforma base è semplice da utilizzare e la curva di apprendimento per l’utilizzo delle funzioni è progressiva e meno traumatica rispetto agli altri e-commerce.
  • Non solo è totalmente gratuito, ma sono anche disponibili oltre 5000 moduli gratuiti aggiuntivi per estenderne le funzionalità, fino a renderlo un sistema di vendita online veramente professionale. Oltre che un’innumerevole quantità di temi altrettanto gratuiti.
  • Le prestazioni sono migliori rispetto alle altre alternative economiche, soprattutto quando il numero di utenti inizia a crescere in modo significativo.
  • Il framework è completamente personalizzabile secondo le proprie esigenze. È possibile creare temi, moduli e funzioni totalmente personalizzate, a patto di avere l’esperienza necessaria per farlo.
  • Possibilità di creare un multistore.
  • È meno utilizzato rispetto alle altre soluzioni, e in conseguenza di questo temi e moduli sono meno collaudati e possono presentare più di frequente problemi e bug di varia natura difficili da risolvere.
  • Va tenuto aggiornato, e gli aggiornamenti possono comportare problemi più o meno gravi.
  • Per utilizzarlo è necessario avere dominio e hosting.
  • Non è altrettanto sicuro rispetto a soluzioni professionali o servizi in cloud.

Come provarlo

Demo OpenCart

Per provare OpenCart senza bisogno di installare nulla, puoi accedere alla demo ufficiale a questi link:

Conclusione

Siamo arrivati alla fine di questo viaggio tra le piattaforme di e-commerce attualmente più utilizzate. Speriamo di esservi stati utili e di avervi aiutato a capire quale sia la piattaforma di e-commerce più adatta a voi. A breve, pubblicheremo anche un articolo sui marketplace più diffusi. 

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi nel tuo commento: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Send this to a friend