Evitare le tecniche "Black Hat"

Esistono tecniche che vengono denominate “Black Hat” che non bisogna mai utilizzare per nessun motivo , pena l’immediato declassamento del sito o addirittura la sua eliminazione dai risultati di ricerca. In particolare:

Link Farm e Link circolari

Inserire numerosi Link nella stessa pagina con lo scopo di fornire “link juice” a siti che a loro volta facciano lo stesso con voi. Evitare inoltre di creare riferimenti circolari di link con l’obiettivo di innalzare i voti del gruppo di siti interessato. Per esempio il sito A con un link al sito B, il sito B con un link al sito C, il sito C con un link al sito A e così via. Gli “anelli” di link prima o poi vengono scoperti e ampiamente puniti da Google e dai motori di ricerca in genere se in numero elevato.

Keyword stuffing

Inserire troppe parole chiave all’interno della stessa pagina non attinenti ai contenuti della pagina stessa, parole chiave dello stesso colore dello sfondo in modo da risultare invisibili ecc.. Forzare la mano sulle parole chiave contenute nel testo delle vostre pagine può avere una ripercussione molto negativa sul ranking delle pagine e non solo …

User Agent Cloaking

Fare “Cloacking” significa letteralmente presentare il sito in un modo allo spider di Google ed in un modo diverso agli utenti. I contenuti visti da GoogleBot devono essere il più possibile simili ai contenuti visualizzati dagli utenti. Questa tecnica è fortemente penalizzante.

Door pages

In passato è stata frequentemente utilizzata la tecnica di creare pagine, su siti a parte, che reindirizzino automaticamente alle pagine del sito principale con lo scopo di attirare utenti (che stanno cercando cose totalmente differenti) verso il proprio sito. Evitare assolutamente di creare questo tipo di pagine con contenuti non attinenti, Google bot prima o poi se ne accorgerà…

Questi sono gli esempi più comuni di tecniche considerate non corrette, Google aggiorna periodicamente le politiche di penalizzazione quindi su questo tema è indispensabile tenersi costantemente aggiornati ed evitare comunque tecniche di dubbia efficacia.

Aut.:
Agg.:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi nel tuo commento: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Send this to a friend