ADWords in 5 Minuti : Creare la campagna promozionale

Segui i passaggi indicati in questa pagina per creare la campagna promozionale ADWords. ADWords in 5 minuti è un tutorial semplice e rapido per creare e gestire da solo la tua prima campagna pubblicitaria con Google ADWords. Guarda il video o segui le indicazioni sul sito per iniziare!

Numero 7

Iniziamo ora a configurare la campagna. Dalla dashboard di ADWords, clicca “Campagne” nel menu, poi sul pulsante “+” blu, e infine su “Nuova campagna“.

Dalla Dashboard di ADWords seleziona "Campagne" dal menu di sinistra e premi sul pulsante "+" blu...
Dalla Dashboard di ADWords seleziona "Campagne" dal menu di sinistra e premi sul pulsante "+" blu...
... quindi clicca su "Nuova campagna" nel sottomenu.
... quindi clicca su "Nuova campagna" nel sottomenu.
Numero 8

ADWords ti permette di creare campagne di annunci di tutti i tipi e su diversi mezzi digitali fra i quali rete di ricerca, rete video e YouTube, mobile app, mail e siti web  della rete Display. Per ora seleziona “Ricerca“, con l’obiettivo di pubblicare annunci di testo quando gli utenti cercano qualcosa su Google.

Nella prima schermata di creazione della campagna, seleziona "Ricerca", per creare una campagna ADWords sulla rete di ricerca di Google. Successivamente potrai sperimentare con altri tipi di campagne ma è sempre consigliabile partire da questa.
Nella prima schermata di creazione della campagna, seleziona "Ricerca", per creare una campagna ADWords sulla rete di ricerca di Google. Successivamente potrai sperimentare con altri tipi di campagne ma è sempre consigliabile partire da questa.

In ADWords esistono diversi tipi di campagne e relativi formati di annuncio. Ecco le principali:

  1. Rete di Ricerca – Prevede annunci di solo testo ed è indirizzata a utenti che cercano su Google un determinato servizio o prodotto. L’annuncio viene innescato dalle parole chiave ricercate dall’utente nella casellina di testo di Google (Es:”Benzinai via appia” o “Scarpe comode da donna”).
  2. Rete display – Mostra annunci testuali e illustrati (Immagini e video) su siti e app di tutti i tipi.
  3. Video – Per mostrare gli annunci su YouTube e sui siti partner YouTube.  È necessario, in questo caso, caricare il video su un canale YouTube collegato ad AdWords.
  4. Google Shopping – Utili per chi ha un’e-commerce, servono per promuovere prodotti tramite annunci testuali e illustrati sia sulla rete di ricerca che sulla rete display.
  5. App universale – Propone annunci con l’obiettivo di favorire e promuovere l’installazione di un App su dispositivi mobile.

La pubblicità sulla rete di ricerca è tra le più efficaci semplicemente perché permette di “intercettare” il visitatore mentre sta cercando qualcosa di specifico, quindi quando è più probabile che sia interessato ad un’acquisto. Potrai successivamente sperimentare con altri tipi di campagna ADWords, ma ti consigliamo di partire da questa!

Numero 9

Clicca su “Crea la tua campagna senza un obiettivo” nel riquadro centrale. Poi, nel riquadro sui dettagli dell’impostazione, seleziona “Ottieni visite al tuo sito web“. Inserisci l’indirizzo del tuo sito web o della pagina che vuoi promuovere e clicca sul pulsante blu “Continua” per passare alle impostazioni principali della campagna.

Nella stessa videata, clicca su "Crea la tua campagna senza un obiettivo"...
Nella stessa videata, clicca su "Crea la tua campagna senza un obiettivo"...
... quindi seleziona "Ottieni visite al tuo sito web", inserisci l'url del tuo sito e premi "Continua".
... quindi seleziona "Ottieni visite al tuo sito web", inserisci l'url del tuo sito e premi "Continua".

Puoi anche preimpostare automaticamente un’obiettivo principale specifico per la tua campagna selezionandolo dal riquadro degli obiettivi. Per esempio puoi creare una campagna indirizzata alla vendita di prodotti o all’acquisizione di lead e contatti, in tal caso però i passaggi successivi saranno leggermente diversi.

Nel tutorial noi utilizziamo un e-commerce fittizio per la vendita di giacche eleganti e creeremo un singolo annuncio indirizzato alla home page. Nella home page, abbiamo inserito diversi modelli di giacche eleganti da uomo, che vogliamo pubblicizzare.

La scelta non è casuale: Per ottenere una campagna ADWords veramente efficace, è meglio indirizzare gli utenti a landing page specifiche coerenti con le parole chiave ricercate e con gli annunci pubblicati.

Numero 10

Ok, siamo alle impostazioni principali della campagna. Prima di tutto, dai un nome alla tua campagna inserendolo nell’apposita casella. Assicurati anche che sia già presente il flag sulla casella “Includi partner di ricerca di Google” e scegli se includere o meno la rete “Display” per pubblicare automaticamente gli annunci anche su siti partner e ottenere così maggior visibilità e maggior copertura.

La scelta è opzionale, noi abbiamo cliccato su “Si“.

Nella prima pagina delle impostazioni principali della campagna, inserisci un nome ed eventualmente includi la rete Display cliccando su "Si" nel riquadro.
Nella prima pagina delle impostazioni principali della campagna, inserisci un nome ed eventualmente includi la rete Display cliccando su "Si" nel riquadro.

Una rete a cui appartengono oltre 2 milioni di siti web che pubblicano annunci Google ADSense. Includere o meno la rete Display è opzionale e può essere molto utile per creare awareness verso un prodotto o un brand.

Gli annunci in questo caso vengono automaticamente pubblicati anche su pagine e siti con contenuto coerente alla ricerca dell’utente. Per esempio, il nostro annuncio di “giacche da uomo” potrebbe essere pubblicato sulla pagina web di un prodotto simile o sul blog di un’esperta di sartoria.

Numero 11

A questo punto, nel riquadro “Località” sottostante, imposta una località target per i tuoi annunci. Rifletti bene su questo punto perché è molto importante: Devi selezionare una località compatibile con il tuo pubblico potenziale o con le tue possibilità di vendita!

Noi abbiamo scelto “Milano”, per esempio.

Nel riquadro "Località", delimitiamo l'area geografica nella quale appariranno gli annunci.
Nel riquadro "Località", delimitiamo l'area geografica nella quale appariranno gli annunci.

La località è una scelta fondamentale se vuoi che i tuoi annunci siano efficaci. Per esempio, se vendi con un e-commerce puoi impostare tutta Italia, se invece vuoi promuovere un negozio o un’attività locale è meglio scegliere la città dove hai il tuo esercizio commerciale in modo da catturare clienti nelle vicinanze. Se pubblicizzi il tuo blog in tedesco, puoi scegliere Germania, Austria e Svizzera per esempio.

Cliccando su “Ricerca avanzata” hai anche accesso all’editor di località, dove puoi impostare:

+ Zone target per raggio – Per esempio, puoi impostare una zona circolare di qualche Km attorno alla tua attività per catturare clienti vicini al tuo negozio se vendi abbigliamento, alla tua officina se sei un meccanico, al tuo studio se sei un avvocato e così via.

+ Nazioni, regioni, città … –  Puoi selezionare aree geografiche specifiche digitandone il nome.

+ Aree multiple – Combinando le scelte precedenti.

Scegli accuratamente le località di pubblicazione degli annunci, vendere gelati al Polo Nord potrebbe non essere una buona scelta!

Numero 12

Nel riquadro delle lingue, puoi lasciar selezionato solo “Italiano“. All’interno del riquadro dell’offerta invece, seleziona “CPC Manuale” come  strategia di offerta e imposta un budget di spesa giornaliero (Per esempio, 10€).

Il valore che inserisci è il budget che spenderai giornalmente per pubblicare gli annunci, scegli l’importo che preferisci in base a quello che vuoi spendere.

a meno che tu non ti voglia pubblicare gli annunci in un paese estero: nel qual caso dovrai probabilmente scegliere la lingua nella quale parlano i tuoi clienti.

Nel riquadro "Lingue", lascia selezionato "Italiano" come lingua di destinazione principale ...
Nel riquadro "Lingue", lascia selezionato "Italiano" come lingua di destinazione principale ...
... nel riquadro "Offerta" seleziona "CPC Manuale" e sotto "Budget" indica il tuo budget giornaliero di spesa.
... nel riquadro "Offerta" seleziona "CPC Manuale" e sotto "Budget" indica il tuo budget giornaliero di spesa.

Con Google AdWords è possibile scegliere tra le più diverse strategie di offerta. I tre elementi principali che puoi prendere in considerazione per scegliere l’offerta adatta a te sono:

 + L’obiettivo della campagna pubblicitaria

 + Il valore della vendita e della conversione

 + Il budget a disposizione

A seconda della rete verso la quale è indirizzata la campagna, è possibile scegliere una strategia idonea per massimizzare numero di click, conversioni e acquisti, visualizzazioni o impressioni.

Offerta basata sul Costo Per Click (CPC)

Se desideri generare maggiore traffico verso un sito, puoi puntare alle offerte costo per click.

  1. Massimizza i clic: è una strategia di offerta automatica che richiede la definizione di un budget giornaliero. AdWords amministrerà in maniera automatica le offerte per ottenere il maggior numero dei click entro il budget prestabilito.
  2. Offerta manuale basata su CPC: con questa strategia si possono gestire le offerte CPC in maniera manuale.

Più Impressioni

Se hai bisogno di generare awareness  ovvero iniziare a far conoscere al pubblico un marchio o un prodotto – dovresti puntare alle offerte basate sulle impressioni, in modo da far arrivare il messaggio a più clienti possibile.

  1. Targeting della posizione della pagina di ricerca: una strategia di offerta automatica che imposta le offerte per poter aumentare la possibilità di pubblicare un annuncio in alto nella pagina o tra i primi risultati della ricerca.
  2. Quota superamento target: grazie a questa strategia è possibile posizionare in maniera più ottimale il proprio annuncio superando un determinato dominio concorrente o pubblicare gli annunci nel momento in cui non viene mostrato l’annuncio concorrente. È possibile impostare la frequenza di superamento di tale dominio e AdWords gestisce automaticamente l’offerta per la rete di destinazione in modo da raggiungere l’obiettivo.
  3. Costo per Mille Impressioni Visibili (Vcpm): si tratta di una strategia di offerta manuale da utilizzare quando gli annunci hanno la finalità di incrementare la brand awareness, ma non necessariamente di generare maggior traffico. È possibile impostare un budget massimo da spendere per 1000 impressioni e in qualche modo garantisce che gli annunci siano effettivamente visualizzati dall’utente.

Conversioni con Smart Bidding

Se l’obiettivo della tua campagna è ricevere conversioni dirette da parte degli utenti su un sito web (Acquisiti sul sito o ricevimento di contatti/lead), puoi optare per le strategie di Smart Bidding. Si tratta di un insieme di strategie automatizzate che ottimizzano le conversioni tramite machine learning, adatte ad attività di tutte le tipologie e di tutte le dimensioni.

Il tool Smart Bidding di AdWords imposta automaticamente le offerte grazie a un insieme di strategie di machine learning per l’ottimizzazione delle conversioni in ogni asta. Tra le strategie a disposizione dell’utente trovi:

  1. CPA (costo per acquisizione) target: sfruttando i dati storici della campagna e analizzando la situazione al momento dell’asta, viene individuata automaticamente la migliore offerta di costo per click per l’annuncio che risulta idoneo alla pubblicazione.
  2. Ritorno sulla spesa pubblicitaria target: prevedendo le conversioni future e i valori relativi, sfruttando valori di conversione simili, Adwords imposta l’offerta costo per clic massimo per ottimizzare il livello di conversione, cercando di ottenere allo stesso momento un ritorno sulla spesa pubblicitaria medio rispetto al target.
  3. Massimizzare le conversioni: sfruttando i dati storici della campagna e analizzando gli indicatori contestuali nel momento dell’asta, viene individuata automaticamente l’offerta CPC migliore per l’annuncio, quando risulta idoneo il momento della pubblicazione. In questo modo è possibile generare il maggior numero di conversioni con il proprio budget.
  4. Costo per Clic Ottimizzato (CPCO): è una strategia indicata per chi desidera regolare le offerte manuali, cercando di ottimizzare le conversioni. Si tratta di una funzione opzionale, che può essere utilizzata assieme all’offerta manuale basata su CPC.

La maggior parte delle strategie di offerta automatica ha bisogno di un certo tempo per essere efficace.

Annunci video e YouTube

Se vuoi pubblicare annunci video, puoi utilizzare una strategia di offerta sulla base del costo per visualizzazioni (CPV). Ti vengono in questo caso addebitati i costi per le visualizzazioni dei video, per le interazioni con overlay e call to action, banner companion o schede prodotto.

Le impostazioni scelte su ADWords dovrebbero sempre rispecchiare il pubblico di destinazione della campagna. Quindi:

+ La lingua scelta dev’essere quella parlata dai tuoi visitatori/utenti/clienti.

+ Gli annunci e le parole chiave dovranno di conseguenza essere nella stessa lingua.

Numero 13

A fondo pagina puoi eventualmente impostare una data di fine per la campagna. Utile per limitare la spesa complessiva o per evitare di pubblicare gli annunci quando non servono più per esempio.

Tra le ultime opzioni puoi impostare la data di fine della campagna. Espandi il riquadro "Data di fine" ...
Tra le ultime opzioni puoi impostare la data di fine della campagna. Espandi il riquadro "Data di fine" ...
... poi clicca su "Seleziona una data" e scegli il giorno che preferisci dal calendario che appare.
... poi clicca su "Seleziona una data" e scegli il giorno che preferisci dal calendario che appare.
Numero 14

Ok, ci siamo quasi! La configurazione di base della campagna è terminata, clicca su “Salva e Continua” e prosegui alla creazione degli annunci.

Nell’ultimo riquadro puoi inserire diverse estensioni agli annunci. Per esempio per pubblicare il tuo numero di telefono assieme all’annuncio o per visualizzare gli annunci anche su Google Maps. Ma puoi impostare le estensioni anche successivamente.

Clicca su "Salva e continua" per concludere la configurazione della campagna e passare alla creazione degli annunci.
Clicca su "Salva e continua" per concludere la configurazione della campagna e passare alla creazione degli annunci.
Un esempio di estensione di promozione su un'annuncio ADWords durante il Black Friday.
Un esempio di estensione di promozione su un'annuncio ADWords durante il Black Friday.

Le estensioni sono elementi grafici interattivi, che vengono pubblicate assieme all’annuncio, e che consentono di fornire informazioni specifiche e motivare maggiormente gli utenti a cliccare sull’annuncio per visualizzare i contenuti di destinazione.

 + Estensioni di località – Queste sono le prime estensioni da prendere in considerazione per incoraggiare gli utenti ad effettuare acquisti di prodotti o servizi presso la sede di un’attività locale (negozi, officine, ristoranti e pizzerie, studi …). Le estensioni di località mostrano l’indirizzo della sede ed i dettagli dell’attività come orari di apertura, indicazioni stradali, foto e principali recapiti. Sono necessarie per pubblicare l’annuncio anche su Google Maps e particolarmente efficaci quando i clienti hanno esigenze impellenti in una zona limitata (Es: La ricerca di un idraulico per la rottura di una tubatura, la ricerca di un ristorante per uno spuntino, di un fiorista nel giorno di San Valentino  etc.).

 + Estensioni callout – Per visualizzare frasi ad effetto assieme all’annuncio, per esempio: “Assistenza clienti 24 ore su 24″, “Spedizione gratuita”, “Miglior prezzo” e così via. Non sono interattive ma la scelta di una frase particolarmente interessante per gli utenti può influire anche sensibilmente sul numero di visitatori/clienti ricevuti, e sulle conversioni della campagna.

 + Estensioni sitelink – Servono per visualizzare link specifici assieme all’annuncio. I link hanno  l’obiettivo di indirizzare gli utenti a pagine particolari del sito web. Per esempio un link “Ordina subito” può essere configurato per portare l’utente direttamente verso la fase di check-out di un e-commerce o il link “Contattaci” può essere utilizzato per indirizzare il visitatore verso una form di contatto. Sono particolarmente utili per incoraggiare i visitatori a contattare un’attività o a visitare il sito web.

 + Estensioni di chiamata – Un’estensione assolutamente fondamentale se vuoi incoraggiare i clienti/utenti a contattarti per via telefonica. L’estensione aggiunge un numero di telefono click-to-call all’annuncio, in modo che l’utente possa chiamare direttamente cliccando il numero. Molto utile se accompagnata da estensioni call-out specifiche come “Chiamaci per un appuntamento” per esempio.

 + Estensioni di prezzo – L’estensione di prezzo consente agli utenti di dare un’occhiata ai prezzi dei prodotti direttamente dall’annuncio. Se hai un e-commerce molto probabilmente vorrai utilizzarla, ma anche se fornisci servizi di consulenza o corsi di formazione potrebbe essere un’estensione utile, soprattutto se il prezzo è interessante!

 + Estensioni snippet strutturati – Simili alle estensioni sitelink, vengono utilizzati per mostrare assieme all’annuncio informazioni principali su categorie di prodotti o servizi. Possono essere utili solo in casi molto specifici, per esempio se hai un e-commerce con diverse categorie di prodotti.

 + Estensioni per app – Invitano l’utente a scaricare un’App su dispositivi mobili Android o iOS. Utile esclusivamente se … hai un’App da sponsorizzare per l’appunto.

 + Estensioni di promozione – Servono ad evidenziare un’offerta esclusiva e particolarmente allettante. Le offerte (gli sconti soprattutto) piacciono molto ai clienti. Sono indicate anche durante la promozione di saldi, di liquidazioni e svendite, di promozioni di prodotti particolari.

Hai quasi finito! La tua campagna ADWords è ora configurata

Hai creato e configurato la campagna ADWords, per finire devi solo creare gli annunci da pubblicare e impostare le parole chiave che li innescheranno.

Aut.:
Agg.:

Send this to a friend